U13 Cordenons-Humus 33-57

WhatsApp Image 2018-05-14 at 12.29.26.jpeg

Esito positivo a Cordenons per gli U13. Una vittoria importante che aiuta a risollevare l’umore e a dare energia per le prossime partite.

Seguo questi ragazzini (perchè mamma di Leo) dall’inizio del loro percorso, addirittura ho visto i primi allenamenti l’estate scorsa quando era ancora tutto nuovo; arrivavano da società diverse e quindi era per tutti una nuova esperienza. Scattando loro tante foto, in questi mesi ho visto fatica, passione, stizza, grinta, entusiasmo, delusione… Qualcuno di loro mi ha intenerito, qualcuno mi ha fatto sorridere. Ma soprattutto ho visto il cambiamento: l’insicurezza ha lasciato posto a un po’ più di disinvoltura. Certo il viaggio è lungo e c’è ancora tanto da fare, ma i presupposti ci sono tutti.

Concludo decidendo di pubblicare proprio questa foto perchè è ciò che dovrebbe rappresentare lo sport: rispetto e impegno per quello che si fa e per gli altri. Ma non credo di aver scritto niente di nuovo…

Forza Humus!

Renata Ros

Annunci

Il sesto uomo Humus

Cattura2.jpg

Il bello di queste partite è che, sul parquet come sugli spalti, si respira un’aria diversa.

I playoff da sempre sono totalmente un altro sport rispetto a quello che si gioca in stagione regolare. E questo lo si nota da come abbiamo giocato il primo turno, soprattutto grazie a chi ci ha dato la carica dalla tribuna con il suo costante tifo, che in gara1 è stato quasi assordante.

Abbiamo conquistato sul campo la possibilità di giocarci questi turni con il vantaggio del fattore campo. Per questo venerdì vorremmo che il casino fosse decuplicato; non solo perché giocheremo contro un’ottima squadra ma, e soprattutto perché, non vogliamo deludere chi verrà a vedere questa partita.

La società, conscia del fatto che come in gara1 contro il Santos voi sarete il nostro vero valore aggiunto, ha messo a disposizione di chi verrà in “curva” birre a volontà e qualsiasi tipo di oggetto volto a innalzare l’inquinamento acustico del palazzetto.

Quindi venite, chiamate amici e scaldate la voce, noi siamo pronti a vendere cara la pelle per non deludervi. Venerdì ore 21:15, sarà una battaglia e abbiamo bisogno del nostro sesto uomo in campo. Voi.

Luca Gelormini

U13 Humus Basket – Sacile Basket 43-78

WhatsApp Image 2018-05-06 at 11.41.49.jpegPensavamo di poter vincere il derby ma non è stato così. I miei compagni hanno cercato di dare il massimo ma la squadra avversaria è stata più brava e quindi ha vinto.

Ho guardato la partita dalla panchina e posso assicurarvi che guardare e giocare sono due cose diverse. In campo tutto è diverso: impegno, concentrazione, tecnica, agilità.

Un grazie speciale al nostro coach Stefano e Gigi e Andrea per l’insegnamento e la pazienza e grazie anche ai miei amici di squadra.

Non sempre si può vincere ma si può migliorare per raggiungere la vittoria.

FORZA HUMUS!

Matteo Feltrin

U18 Humus Basket – Sacile Basket 66-63

Andava in scena PalaMicheletto il terzo atto del derby sacilese, con Sacile sotto 2-0 nella serie.

Ore 18.00: palla a due rocambolesca e subito l’Humus piazza un parziale di 6 a 0, capitalizzando le palle recuperate in difesa. Tempestivo time out di coach Galli che permette ai suoi di rientrare in partita con due tiri dalla lunga per la parità. Buona serata serata al tiro oltre l’arco per la squadra in maglia rossa, che però soffre a rimbalzo causa carenza di centimetri.

Partita dettata da due buone difese, soprattutto quella di Sacile, che dopo un’iniziale difficoltà schiera subito una zona press, impegnando così la squadra di coach Colombera. Parziale sacilese che porta avanti di dieci lunghezze gli ospiti, ma durante la pausa lunga il tabellone recita 31-32 Sacile.

Terzo periodo equilibratissimo con Sacile che continua a segnare da tre punti. L’Humus recupera palloni in difesa e risponde dall’altra parte. Si preannuncia un ultimo quarto al cardiopalma.

Così è, e con due minuti sul cronometro un parziale di dieci punti humussino sembra aver messo una seria ipoteca sulla partita. Ma Sacile non si dà per vinta e mette due bombe in due azioni consecutive, riducendo così lo svantaggio a 4 punti. Nonostante quest’ultimo sussulto sacilese l’Humus tiene la testa avanti e porta a casa la vittoria, per 66 a 63.

Christian Mariotto

U13 Sacile Basket – Humus 48-24

WhatsApp Image 2018-04-10 at 22.13.31.jpeg

La partita di Sabato è stata ardua e anche se abbiamo cercato di dare il massimo non ce l’abbiamo fatta. Però come dice il coach non è importante il punteggio ma l’impegno del quale è stato abbastanza contento.

La squadra avversaria è stata brava e così hanno vinto, però secondo me siamo stati sfortunati e imprecisi nei tiri a canestro, magari avremmo potuto pareggiare o addir

ittura vincere.Comunque anche una sconfitta aiuta a migliorare e questo ci aiuterà forse a vincere il ritorno. La squadra Humus sta crescendo e mano a mano diventerà sempre più forte.

P.S.: però c’è da dire che il dopo partita ci ha risollevato il morale!

Giacomo Salamon

U18 Sacile Basket – Humus Basket 54-56

Qualcuno ha detto che derby é sempre derby, ed infatti é stato proprio cosí.

Dopo un lungo riscaldamento finalmente l’agognata palla a due. Il Palamicheletto é una bolgia, le tifoserie sugli spalti sono pronte a saltare su ogni canestro dei propri beniamini.

Giá dal primo possesso l’atmosfera é calda e con un canestro l’Humus si porta subito in vantaggio. Il Sacile peró risponde subito e dopo un primo quarto di botta e risposta tra le due squadre il Sacile si trova avanti 14 a 12.

Nel secondo quarto Sacile continua a spingere e l’Humus fatica a tenere gli avversari che con un’ottimo gioco chiudono il secondo tempo in vantaggio sul 29 a 26.

Dopo la pausa lunga si torna in campo e Sacile continua ad attaccare con ritmo, ma l’Humus grazie ad un’ ottima difesa riesce a chiudere il terzo periodo a -1.

Inizia l’ultimo quarto, quello più duro e intenso. Anche quì un continuo botta e risposta tra le due squadre, poi a meno di 20 secondi dalla fine Sacile segna e si porta a +2. Time- out obbligato per coach Colombera che riorganizza i suoi. Sacile a poco dalla fine commette un’ingenuitá difensiva che manda in lunetta il numero 22 dell’Humus , 2 su 2 ai tiri liberi.

Finale con il cuore in gola per tutti ma la sirena scandisce la fine del quarto sul 52 a 52. Over-time. Tifoserie scatenate e Palamicheletto, gremito di gente, tutti in piedi per un finale di partita da ricordare. Per 4 minuti non si segna da nessuna delle due parti, poi il canestro del Sacile sveglia i ragazzi dell’Humus che con un canestro si riportano in parità sul 54 a 54. Manca poco alla fine, ma Matteo Giust con un canestro allo scadere, (che noi chiameremo il canestro della domenica) a 0.09 decimi dalla fine si porta i ragazzi di coach Colombera a +2. Rimessa Sacile, tutto può succedere, ma fortunatamente il tiro si infrange corto sul primo ferro.

Un finale da Finals Nba che ha emozionato tutti i presenti. Onore ai vinti, ma ora godiamoci questa meritata vittoria. Sempre e per sempre forza HUMUS!!

Leonardo Venturato

U13 Humus – Fiume Veneto 54-74

index.jpg

Domenica abbiamo affrontato i primi in classifica: il Fiume Veneto. Sapendo che sono molto forti non ci siamo mai arresi. La partita è stata molto combattuta fino al secondo quarto, grazie alla nostra grinta e ai consigli del coach. Però nel terzo e quarto quarto a causa di un calo fisico o di concentrazione il Fiume Veneto è passato in vantaggio vincendo la partita 74 a 54. Nonostante la sconfitta noi saremo sempre una squadra unita e un gruppo unito. Forza Humus!

Thomas Perin

Humus – Casarsa 75-78

20180304_175846.jpg

I presupposti per assistere a uno scontro spettacolare c’erano tutti e di certo il pathos non è mancato. I casarsesi ospiti al Palamicheletto si dimostrano più cinici e portano a casa un’importante vittoria confermando lo stato di forma messo in mostra nelle ultime settimane.

La tentennante prestazione dei sacilesi nei primi minuti viene recuperata dal parziale di 9-0 che dà il vero avvio alla partita: i casarsesi rispondono solo al primo assalto ma cedono ai successivi colpi del quintetto casalingo. Il +10 è toccato in chiusura di parziale e solo una bomba di Costantini riduce il differenziale al 22-14 di fine primo 10 minuti.

Nel secondo quarto sono i ragazzi di Silvani a mostrare le cose migliori mentre si ripetono, come nei minuti iniziali in apertura di gara, le disattenzioni sul fronte offensivo delle manovre sacilesi. Aumenta l’intensità difensiva e i due attacchi entrano in sofferenza a spese del punteggio che stenta a decollare. I turnover della panchina liventina sono di buona qualità: gli innesti di Kelecevic e Migliorini concedono respiro al quintetto titolare di serata. Intanto però gli ospiti hanno colmato il gap e il risultato è di sostanziale parità, finchè una tripla di Dalmazi decreta il sorpasso e la chiara superiorità dei casarsesi al tiro. Quando rientrano Gelormini e D’Angelo il parziale di quarto è di 20-9 per gli ospiti che nel frattempo hanno allungato a +5. Una tripla dall’angolo proprio di Gelormini, un favoloso gioco sulla linea di fondo di Franzin e un turno ai liberi per D’Angelo ribilanciano un brutto (per loro) secondo quarto e mandano le squadre al riposo sul 40 pari.

Al rientro anche Giro viene buttato nella mischia ma il suo impatto non è dei migliori. Bovolenta è tenuto a riposo causa la situazione dei personali ma un buon Chiesurin produce il fatturato sostitutivo. Sulla sponda ospite continua la serata di grazia al tiro tanto che le maggiori preoccupazioni per Brecciaroli arrivano da fuori il pitturato. Le altre sono evidenti a rimbalzo dove si avverte l’assenza del centro sacilese. Il quintetto di casa paga i centimentri di differenza che, combinati a una certa maggior fisicità dei casarsesi, determina la dominanza degli ospiti nelle contese sotto i tabelloni. Rientrano Bovolenta, Kelecevic e Migliorini ma manca poco al termine del parziale che sopraggiunge sul 57-58.

L’ultima ripresa è all’insegna della reattività: l’aumentata intensità offre uno spettacolo di livello e le giocate di Migliorini e Gelormini da una parte e di Mozzi e Pignaton dall’altra illuminano la partita che continua in perfetta parità. A 5′ dalla fine ogni possesso può essere determinante e quando Bovolenta spende il quarto fallo Brecciaroli gli affianca Franzin per reggere il peso della difesa. Passano i minuti ma il vantaggio liventino non è mai di più di 3 punti. E quando mancano 63′ il punteggio è di 74-73. Poi arriva la brutta notizia del quinto di Bovolenta che costringe il coach humussino a riconfigurare il quintetto durante l’immediata sospensione. Intanto Mozzi pareggia a cronometro fermo. Ci prova Franzin a 37′ dai 6,75 ma sbaglia e sul ribaltamento è Miani a siglare il +2 per Casarsa. Gelormini ha l’occasione del pareggio dalla lunetta quando restano 14″ ma fa 1/2 poi Casarsa sempre ai liberi ripristina il +3 che nè Chiesurin nè Kelecevic riescono a recuperare nonostrante le triple della disperazione. Finisce 75-78.

Minimo risultato con il massimo sforzo: gli humussini conducono per buona parte della partita ma rimangono con il cerino in mano nel momento più importante. Una gara trascorsa alla ricerca di un equilibrio mai arrivato e conclusasi con grande dispendio di energie senza la consolazione dei due punti. Le assenze di Fabbro e Bellinvie si sono sentite ma a mancare sono state soprattutto una certa ispirazione nel gioco e la cattiveria necessaria per trasformare l’inerzia in risultato definitivo.

Merito comunque ai ragazzi di Silvani, che nell’arco dei quaranta minuti hanno saputo coniugare efficacia balistica a esplosività sotto i canestri. Vittoria meritata.

U13 Humus – BVO Basket 58-48

_DSC0764.JPG

La partita che abbiamo giocato domenica è stata molto bella ed è stata molto interessante, abbiamo vinto. La partita mi è piaciuta molto.

E spero che vinceremo anche le altre partite.

Però la cosa più importante è che non ci siamo mai arresi, abbiamo fatto gioco di squadra.

Forza Humus!
Rikardo Vasiloni

U13 Roraigrande – Humus…tanto a poco

Picture_20180215_132605380.jpg

Abbiamo preso una bella batosta. Durante la partita, che abbiamo perso di parecchi punti, ci siamo accorti che tutte le indicazioni che l’allenatore ci dice durante gli allenamenti sono importanti.

Infatti durante le partite e soprattutto durante questa ci accorgiamo che i suoi suggerimenti sono utili e ci aiutano a essere più svelti, pronti ed efficaci.
L’altra squadra aveva due giocatori molto forti che non siamo riusciti a contenere perchè forse non ci siamo aiutati abbastanza tra di noi.

Sabato, forse, come anche qualche altra partita ci mancava la voglia di vincere, nonostante la superiorità dell’avversario. Non bisogna mai scendere in campo senza grinta, neanche durante il riscaldamento.

Durante gli allenamenti questa settimana cercheremo di metterci un impegno maggiore per arrivare alla prossima partita con più voglia e attenzione.

Comunque FORZA HUMUS!

Sebastian Fadel