Lettera di fine anno del Presidente

Cari amici,

permettetemi di indirizzarvi questa lettera: la stagione è finita e vorrei condividere con voi alcuni pensieri. Perché, non ci crederete, so essere anche una persona seria.

Ok vorrei partire dalla soddisfazione per il risultato della nostra formazione maggiore. La nostra squadra ha riconfermato il suo livello di competitività, addirittura migliorando il brillante risultato dello scorso anno, e conquistato la promozione in SerieCsilver in un emozionante finale di stagione. I nostri giocatori hanno tenuto alto il nostro nome in tutti i campi della regione e se la loro bravura ci ha inorgoglito – perché ha rafforzato il nostro senso di appartenenza – molto del merito è di Davide, il nostro capo allenatore. Ci tengo però sottolineare che la prestazione non è stata di eccellenza solo per meriti sportivi: l’evento ha unito tutti noi intorno alla squadra. Il calore dei sostenitori è stato incredibile e non avremmo potuto desiderare un trattamento migliore dai nostri tifosi. Attribuisco questo merito ai ragazzi delle squadre giovanili che hanno animato rumorosamente le partite più importanti; a loro e alle loro famiglie, sempre presenti, il mio personale Grazie.

Quest’anno avevamo una nuova squadra, gli U13. Sono pienamente soddisfatto di come il gruppo si è rapidamente amalgamato e, nel tempo, consolidato. Lo spirito di squadra – non parlo di quello che si è instaurato fra i giocatori ma di quello fra le famiglie – ha alimentato tutte le giornate di campionato e devo ammettere che vedere organizzato il 5° tempo dopo tutte le partite casalinghe mi ha dato una motivazione particolare. Grazie a Piero e Andrea, educatori prima che allenatori, la cui pazienza è stata più volte sottolineata dai genitori e Grazie anche a Gigi, animatore dietro-le-quinte-ma-neanche-tanto, vera fucina di idee e motore di numerose iniziative di aggregazione: alcuni dopo partita a casa sua e di Renata valgono più di tante parole.

Gli U18 erano chiamati a una sorta di prova di maturità. Dopo un anno entusiasmante come U16 in questa stagione hanno dovuto affrontare il salto di categoria e, ciononostante, hanno ottenuto risultati in linea con le aspettative. Dietro ai loro risultati c’è però il lavoro di Fausto, Alberto e Roberto che si sono prodigati nel cercare di far maturare fisicamente e tecnicamente i nostri ragazzi: siamo certi che l’esperienza di quest’anno porterà presto buoni frutti.

Ci sono stati due importanti appuntamenti extra sportivi: la festa per i 20 anni di Humus a fine Dicembre e il 3vs3HumusUnder concluso da pochi giorni. Il primo nel ricordo del nostro caro Cico (sarebbe orgoglioso, come lo sono io, di firmare questa lettera) e il secondo nel nome della continuità: il 3vs3Humus di tanti anni fa è stato l’evento intorno al quale si è cementato il rapporto fra noi “cariatidi” e siamo convinti che trasmettere la nostra conoscenza ai giovani sia il modo migliore per alimentare in loro due valori: l’amicizia e la passione per il Basket.

Il nostro percorso di crescita prosegue e, lo abbiamo visto quest’anno, dobbiamo coprirci le spalle. Una famiglia numerosa comporta responsabilità di bilancio sempre crescenti. Certamente non possiamo prescindere dal sostegno delle famiglie, che pagano per far giocare i loro figli, ma bisogna intensificare gli sforzi per ottenere il supporto degli sponsor. Dobbiamo coprirci le spalle anche a livello organizzativo: quest’anno sono entrati nella nostra organizzazione Andrea Zaghet e Alberto Marletta, ex importanti giocatori e Roberto Molinari, esperta e vecchia conoscenza del Basket sacilese. Avete imparato a conoscere anche Massimo Casagrande, incallito appassionato di Basket, ed Evio Casagrande, incallito tifoso Lakers oltre che anello di congiunzione fra allenatore e squadra senior. Senza la disponibilità dello staff tecnico non avremmo portato a termine la stagione: tutti loro hanno dedicato alla causa una montagna di ore!

Abbiamo collaborato in modo sempre più stretto con Fontanafredda e Liventeam: nei mesi trascorsi dalla formalizzazione del sodalizio ho trovato conferma che la strada intrapresa è quella giusta. Quanto bello è stato, al torneo di Motta, vedere una squadra mista Humus+Liventeam arrivare addirittura seconda?! Avanti così!

In generale molte persone hanno regalato il loro tempo alla nostra società, ad esempio i familiari che hanno supportato le diverse squadre, rendendosi anche disponibili per fare il referto, fotografie, trasporti, spostamenti, video, montaggi. Grazie famiglie!

Abbiamo usato i nostri canali di comunicazione anche per fare esperimenti: il più bello è stata la scrittura dei commenti alle partite da parte dei genitori e che sono certo non è passato inosservato: certamente diventerà un’abitudine. Grazie infine anche a quelle persone speciali che mi aiutano a timonare nella giusta direzione: Luca, Gigi, Guido e Mia moglie Laura.

Concludo dicendo che già da alcuni giorni sono entrati a far parte della famiglia Humus alcune persone del Liventeam, società con la quale formalizzeremo una fusione a inizio luglio: Michel Benedetti, Fabio Gattel (che sta già svolgendo un ruolo di DS insieme a Davide D’Allura), Giancarlo Polles, Nada Vicenzotto e Susanna Mazza. Altri si aggiungeranno, perchè la famiglia ha bisogno di basi solide e il loro spirito proattivo e collaborativo è garantito: loro ci aiuteranno a crescere!

Adesso godiamoci l’estate e ricarichiamo le batterie. Ci vediamo a Settembre, con tante novità, per programmare una nuova stagione!

Massimo Marletta
Presidente
A.S.D. Humus Basket Sacile

LogoNuovo1

Annunci