U13 BVO Basket – Humus Basket 34-41

_DSC9222.JPG

Il campionato continua e l’Humus Basket Sacile vince ancora, per la quarta volta di seguito. Oggi hanno vinto 41 a 34 contro l’Annone Veneto. La partita è stata combattuta fino all’ultimo tempo quando il Sacile è passato in vantaggio di circa dieci punti.

Nonostante la vittoria la squadra non è stata molto contenta dato che mancavano la grinta ma soprattutto i canestri da sotto. Sta di fatto che il campionato è appena a metà e c’è ancora molto tempo per migliorare e per far temere a tutti gli avversari il nome i questa squadra. Forza Humus!

Federico Puiatti

Annunci

U18 – Il derby

20171215_202537[1].jpgNon una semplice partita. Il derby. Da una parte i ragazzi di coach Colombera, dall’altra quelli di coach Galli. Ore 19.30 palla a due. Primo quarto abbastanza intenso con i sacilesi che portano a casa il primo parziale per 13 a 20.

Nel secondo periodo cambiano le cose, Sacile spesso e volentieri corre in contropiede cercando di segnare nei primi secondi dell’azione, mentre gli humussini in attacco puntano più alla costruzione. Parità a 34 negli spogliatoi, risultato dovuto anche alle alte percentuali dall’arco per i sacilesi e alla difficoltà dalla lunetta dalla nostra.

Critico il terzo quarto che vede le prime difficoltà dei ragazzi di Galli ma che non crea grande discrepanza tra le due formazioni. All’ultima pausa il vantaggio casalingo è di 50 a 48.

L’esito del derby lo dovrà decidere l’ultimo periodo. Le ripetute percussioni offensive humussine fruttano un parziale di 7 punti e pur avendo sprecato secondi e terzi tiri l’inerzia è della squadra di casa. Gli ospiti tentano il tutto per tutto cercando tiri dalla lunga ma invano. Negli ultimi minuti difesa sacilese salta e si apre il campo per l’Humus che vola in contropiede.

Partita equilibrata, decisa nel finale, conclusa con la vittoria di coach Colombera e dei suoi ragazzi per 72 – 62. Merito alla difesa della squadra di presidente Ortolan che nonostante i ripetuti tentativi di fuga non ha mai lasciato scappare gli avversari facendoli lavorare fino alla fine.

Christian Mariotto

U18 Humus Basket – Sacile Basket 72-62

Si decide negli ultimi cinque minuti il derby cittadino fra gli U18 sacilesi e a festeggiare è la panchina allenata da Colombera difonte a un nutrito seguito di interessati spettatori.

Che il risultato interessi a entrambi i quintetti si intuisce già nelle prume azioni, soese a ritmi sostenuti con un andamento di sostanziale parità. Humussini più attenti a costruire, ospiti che puntano direttamente al canestro e ripetuti  turni dalla lunetta dove i ragazzi di Colombera però sono meno precisi. Una tripla di capitan Covre apre un parziale che produce uno strappo in favore dei rossi che chiudono in vantaggio il primo quarto (13-20).

Ottima la ripresa che costringe Galli alla sospensione. Le migliori percentuali di tiro fanno decollare il punteggio ma il recupero propiziato da Citton viene vanificato dalle triple ancora di Covre e Tonussi e da una serie di forzature al tiro. Nuovo +8 del Sacile Basket a metà del quarto recuperato nuovamente con le invenzioni di Maiorana e Giust ma a spese di numerosi falli di squadra. Punteggio di perfetta parità a metà gara (34-34).

Partita tesa ma gioco equilibrato e corretto, arbitrato con giudizio a maglie molto strette anche nel secondo tempo, che inizia nel modo migliore per gli ospiti avanti subito di due possessi nel punteggio con una nuova tripla firmata Truccolo. Sul 41-41 gli humussini invertono la tendenza che li ha visti sempre inseguire e strappano un momentaneo +5, poi squadre dinuovo a braccetto con Citton e compagni avanti di una incollatura all’ultima pausa (50-48).

L’attacco humussino è più insistito anche nelle prime azioni del quarto quarto ma la fatica comuncia a sentirsi e si sprecano secondi e terzi tiri e la superiorità netta (se pur temporanea) non frutta che un vantaggio di 7 punti. Il break lo firma Carniel con la tripla del +10 a metà parziale. La paura di vincere annebbia un po’ le idee ai giovani di Colombera che rifiatano in panchina per non subire il ritorno di fiamma avversario. Dal canto loro gli ospiti tentano il tutto per tutto dai 6,75 ma la manovra di rianimazione non ha effetto. Si spalancano così le porte del contropiede a Gava e della partita al roster Humus che conquista la vittoria col finale di 72-62.

Comprensibile soddisfazione dei giovani del presidente Marletta che festeggiano rumorosamente negli spogliatoi, meritevoli di essere tornati in campo con la giusta mentalità nel momento cruciale della gara. Una buona proprietà di palleggio ha prevalso sulle migliori capacità di tiro del roster di Galli solo nelle battute finali, dimostrando che il livello delle due squadre è il medesimo.
Un’eventuale inversione del risultato non avrebbe tolto nulla al merito nè dell’Humus Basket nè alla bravura del Sacile Basket.

U13 Humus-Porcia 53-18

Questa domenica abbiamo incontrato finalmente una squadra alla nostra…altezza, e questo oltre a un buon riscaldamento ci ha dato una carica per entrare in campo convinti di dare il massimo. Qualcosa ci è riuscito bene qualcos’altro meno, ma per fortuna il nostro coach puntualmente ci ha richiamato all’ordine. Lavoro da fare ce n’é ancora molto ma questa nostra prima vittoria ci ha unito come gruppo (anche nel dopo partita) e ci stimolerà a fare sempre meglio perchè questa società, che ci fa sentire una grande famiglia, se lo merita.
Forza Humus!

Matteo Santarossa

U18 Pol. Casarsa – Humus 78-53

09122017-IMG_0134

A mio parere una delle partite più belle fino ad ora. Pur avendo perso di 25 è stata bella, combattuta, con un Casarsa che cercava di allungare le distanze e un Humus che cercava il recupero.

Il primo quarto è stato molto intenso ed equilibrato con tutte e due le squadre che provavano il sorpasso; purtroppo non finisce nel migliore dei mod, ma neanche nel peggiore, con gli humussini sotto di 3.

Il secondo quarto è stato un disastro, moltissime palle perse, canestri sbagliati e falli spesi per niente, con una difesa da parte nostra molto passiva che ci ha fatto perdere il quarto 23-7.

Dritti nello spogliatoio a prendersi una bella strigliata e poi di nuovo in campo, pronti per recuperare il disastro fatto nel quarto precedente. Una svegliata ce la siamo data, ma non è servito a molto, pur avendo vinto il quarto 16-15.

Nell’ultimo quarto l’intensità è calata, ma il punteggio è sempre rimasto lo stesso, arrivando alla fine della partita con gli humussini sotto di 25.

Dal mio punto di vista è stata una partita bellissima e divertentissima e la sconfitta non ci tirerà giù di morale, anzi, sarà una spinta in più per la prossima partita, il derby. Mi raccomando, venerdì 15 tutti presenti al Palamicheletto, ore 19:30, Humus Sacile – Sacile Basket!

Matteo Giust

U13 Humus – Rorai 57-46

Questa settimana nonostante la “dimensione” dell’avversario abbiamo portato a casa la nostta terza vittoria consecutiva.

Abbiamo incontrato una squadra fisicamente più prestante ma grazie alla nostra determinazione nel “non mollare mai” siamo riusciti a batterli dimostrando un gran gioco di squadra.

Sono molto contento di far parte di questo gruppo perchè grazie ai consigli del nostro coach, al supporto della società e dei nostri genitori abbiamo trovato il giusto affiatamento per scendere in campo.
Forza Humus!

Tommaso Maguolo

Humus – Gonars 76-44

picMonkey0.7539425134004893.jpg

Impegnata nel ringiovanimento della squadra maggiore, Gonars si presentava a Sacile con un roster ricco di under e con una situazione di classifica da migliorare. Ma resiste solo un quarto prima di cedere alla pressione dei liventini.

Ritmi non troppo sostenuti nelle prime azioni: gli humissoni non riescono ad attivare la transizione mentre i gonarsesi tentano dalla mezza ma non trovano il bersaglio, sicchè a metà del quarto di apertura il punteggio è da scontro calcistico. Arriva un break, non a suon di canestri ma di sospensione chiamato da coach Brecciaroli, che però non cambia le sorti: si gioca male e si segna poco. Allora girandola di cambi. Gli ospiti guadagnano in centimetri, il che causa più di qualche grattacapo alla difesa avversaria. Ripetuti rimbalzi in attacco di Spangaro e compagni fruttano il momentaneo +5 agli ospiti, immediatamente ricicito, in un finale di quarto in cui la gara sembra essersi finalmente accesa. 11-12

La ripresa è una faccenda per lunghi: Fabbro e Bovolenta da una parte e Spangaro dall’altra sono i terminali offensivi preferiti di due attacchi che mostrano il loro valore. Poi una tripla di Bellinvia segna il miglior momento dei liventini e il +8. I numerosi tentativi di tiro dei ragazzi di Andreotti, anche dalla lunga, meriterebbero miglior sorte così come il lavoro sotto la plancia d’attacco di D’Angelo che guadagna rimbalzi e turni in lunetta, ma pochi punti. Ci pensa allora Bellinvia, nascosto nell’angolo più defilato dell’arco da tre, a capitalizzare un vantaggio abbastanza evidente sul campo ma prima che sia troppo tardi Gon rende la pariglia. Gli humussini provano ad ammazzare la partita dai 6,75 ma i killer sbagliano la mira nel momento più importante. Buon per loro i gialloblu difendono bene ma attaccano male, sicchè è a piccoli passi e in transizione che si costruisce il massimo vantaggio (34-21) al riposo lungo.

L’arma in più del secondo tempo sacilese è Kelecevic. Partito in quintetto già in avvio di gara sono suoi i primi 9 punti, pesanti perchè valgono il +20. Tardivo il minuto sospensione di Andreotti che ferma i giochi quando anche Bovolenta aggrava il passivo. La zona imbastita in difesa dai suoi è un invito a nozze per i sacilesi, che però invece di banchettare alzano il piede dall’acceleratore consentendo agli avversari di ritrovare il bandolo. La reazione gonarsese viene però smorzata sul nascere dalla contro sospensione di Brecciaroli che ispira le triple del duo Fabbro-Gelormini e il dominio a ribalzo di D’Angelo. 57-35 il parziale.

Il quarto finale inizia ancora con i giovani di Andreotti a zona ma con pazienza e una trama fitta di passaggi i liventini aprono la scatola e basta aggiustare un po’ la mira per toccare il +32. La rotazione della panchina dà minuti a Feltrin e Carniel che non sfigurano al cospetto dei più esperti senior. Finisce 76-44.

Una serata che pareva sulle prime girare male volge invece al meglio dopo dieci minuti. Ottima prova di D’Angelo e Kelecevic che sigillano la vittoria con due ottime prove, da non trascurare però il contributo dei singoli capaci di aggiungere mattone su mattone al muro sacilese. Da rivedere invece la prestazione del roster ospite, incapace di cambiare tattica nel momento in cui la precisione al tiro non offriva chance di vittoria. Numerosi i tecnici appioppati dalla coppia arbitrale in una gara comunque corretta sul campo. Poi tempo per i puppazzi di neve nel piazzale del Palamicheletto.

Humus – Azzano 68-60

IMG_1026.JPG

Un nuovo test per i ragazzi Humussini di coach Fausto Colombera che si sono scontrati contro i ragazzi dell’Azzano di coach Petrovic. Una partita importante per noi reduci da 2 sconfitte consecutive, vedendo la partita contro l’Azzano come un punto di svolta per cercare di lasciarci alle spalle le disastrose partite contro Maniago e Cordenons.

Pronti via la partita ha inizio ed il primo possesso è nostro, peccato che non siamo riusciti a sfruttarlo e a concludere a canestro. Il primo quarto si rivela molto complicato con numerosi sbagli da sotto e palle perse che permettono all’Azzano di vincerlo con un parziale di 11-13.

Un brutto inizio di partita e la scossa che coach Fausto si aspettava non è arrivata quindi attua cambi importanti facendo entrare Andrea Carniel e Gioele Citton (acciaccati e non al 100% della forma) che aiuteranno la squadra portandola in vantaggio. Il secondo quarto finisce con uno schiacciante dominio da parte dell’Humus con il parziale di 25-15.

Al rientro negli spogliatoi il vantaggio di qualche punto non basta, i ragazzi dell’Humus sono cosapevoli della possibilità di scappare via e di portarsi a casa la tanto desiderata vittoria. Inizia il terzo quarto, un quarto che di solito si è sempre rivelato nemico della squadra Humus per colpa del cali di concentrazione, ma che in questo caso contribuisce ad aumentare il vantaggio rispetto all’Azzano. Il terzo quarto finisce con un parziale di 15-13.

Siamo alla fine della partita e l’Humus si ritrova con un buon vantaggio da gestire e accumulare per andarla a vincere. Il quarto quarto è molto movimentato con numerosi errori da parte di entrambe le squadre. Gli ultimi 2 minuti sono cruciali per noi che ci siamo visti sfumare la vittoria a Maniago e a Cordenons dopo averla condotta dall’inizio. In questo caso non succede e vinciamo il quarto con un parziale di 17-12 e cosa più importante la partita con un punteggio finale di 68-60. Una vittoria importante che serve a ridare fiducia alla squadra, ma questo non è sufficiente: è stata una partita combattuta però piena di errori che non ci hanno permesso di chiuderla già nel terzo quarto e rendendola viva fino alla fine. La prossima partita sarà contro il Casarsa, a mio parere la squadra più forte del campionato, e servirà molto di più per portare a casa la vittoria.

Marco Buglino

U13 Basket Club San Vito – Humus 45-67

_DSC8917_edited.jpg

Questa settimana abbiamo giocato fuori casa e per la seconda volta di fila abbiamo portato a casa un ottimo risultato. Da qui si cominciano a vedere i frutti del nostro impegno durante gli allenamenti e l’affiatamento della nostra squadra. Ovviamente il merito non è solo di noi giocatori ma anche del coach e dei suoi aiutanti, e il sostegno dei nostri genitori non è da meno.

Giocare in questa squadra mi da’ veramente molte soddisfazioni. Speriamo di continuare a portare a casa altre vittorie e di continuare così.

Forza HUMUS!

Giorgio Cimenti

U18 Humus – Cordenons 49-53

IMG_0148.JPG

Dopo l’amara sconfitta contro  il Maniago per i ragazzi dell’Humus si è presentato un ostico avversario, il Cordenons.

Alle 20:45 la palla a due. Durante il primo tempo molti problemi nel portare palla, la difesa del Cordenons è molto preparata ma nonostante questo più di una volta i ragazzi humussini sono riusciti a far breccia.

Dopo i vari rimproveri e spiegazioni da parte di entrambi gli allenatori le squadre rientrano in campo, con il vantaggio humussino

Secondo e terzo tempo molto combatutti per errori da entrambi le parti ma con vantaggio finale humussino, molte difficoltà a costruire l’azione da parte dei nostri ragazzi, diverse palle rubate, molti rimbalzi non presi con conseguenti canestri cordenonesi.

Ultimo quarto, il quarto decisivo: Humus in vantaggio.

Dopo vari 1vs1 e cali di concentrazione dei ragazzi humussini i cordenonesi riducono il vantaggio dell’Humus. Ultimi minuti: il coach chiede un timeout per discutere ed elaborare una strategia per le azioni finali. Dopo vari botta e risposta da entrambe le squadre ci ritroviamo gli ultimi secondi in svantaggio di 2 punti. Saliamo per attaccare e purtroppo sbagliamo il canestro. Difficoltà nel prendere rimbalzo e lo prendono i cordenonesi che risalgono a meno di 15 secondi dalla fine e segnano. Fischio finale:  49 Humus – 53 Cordenons.

Seconda amara sconfitta per noi, anche questa volta qualcosa abbiamo imparato e questo ci aiuterà a crescere. Grande impegno nei prossimi giorni per sistemare gli errori fatti. Non scoraggiamoci, rialziamo la testa e dimostriamo il nostro valore!!

Giovanni Barbiero