Sistema-Humus 63-56

Presentato come il derby della terza di campionato, l’incontro del palaFlora era un ritrovo tra ex piuttosto che un confronto tra squadre cugine. Anzi, per i sacilesi si trattava della rivincita dopo lo stop subito nel torneo pre-campionato. Ma invece della rivincita é arrivata la seconda sconfitta, onorevole nei modi ma fastidiosa per la classifica.

Sonnacchioso il primo parziale, che i quintetti finiscono per impattare a 17 punti facendo più attenzione a difendere che ad attaccare. A onor del vero i sacilesi provano ad attaccare il ferro e D’Angelo sembra pure in vena, ma quando i tiratori prendono la mira da lontano i tentativi meritano miglior sorte e  finiscono per favorire i rimbalzisti di Pordenone. Marcon e la ditta Galli scandiscono il ritmo gara, segnando da ogni dove, poi nel secondo parziale ci si mette anche Fantuz. Il paradosso é che a subire la fisicità avversaria sono gli ospiti: Bovolenta finisce incerottato in panchina, seguito prima da Dal Bello poi da Gelormini entrambi per contusione, il che é indicativo dell’approccio alla gara. Incapaci di segnare e di limitare l’attacco di casa, i ragazzi di Brecciaroli vengono lentamente spinti sotto il pelo dell’acqua e raggiungono il riposo in debito 34-27.

Lo schema di gioco preparato da Spangaro per il rientro é Galli-centrico: Mattia produce subito cinque punti per il massimo vantaggio dei suoi, Gelormini cerca linee di passaggio e seleziona giuste scelte di tiro ma la difesa di casa é attentissima e la mira imprecisa. Lo stesso play sacilese riesce infine nell’impresa di segnare dai 6,75 e aiutato dal duo Franzin-Giro confeziona l’intero bottino liventini del parziale, l’unico vinto dagli humussini che rientrano in scia sul 46-42.

Ma é una brutta ripartenza quella del quarto finale, ne é avvisaglia l’anticipo a rimbalzo subito da Fabbro sotto il proprio canestro. Con Mattia Galli sempre ispirato e le percentuali al tiro sacilesi che colano a picco il roster pordenonese tocca nuovamente la doppia cifra di vantaggio, sul 54-44. Gli stati emotivi sono evidentemente diversi: fra le fila sacilesi si opta per il tiro veloce, fra quelle di casa prevale la reattività. La zona imbastita da Brecciaroli non frena Fantuz che supera Bovolenta nel suo salotto con un impertinente quanto efficace sottomano. Nonostante il fallo dai 6,75 su Davide Galli, per il +13 dalla lunetta, i problemi humussini sono in attacco. Bellinvia ferma l’emorragia poi il tecnico a Piovesana innervosito da Bovolenta illude gli ospiti, ma si ripetono gli errori dalla lunga e quando Gelormini fa zero su due dalla lunetta diventa chiaro che non sia serata. Gli ultimi tre minuti sono un arrembaggio ma il livello di concentrazione dei ragazzi di Spangaro é altissimo e l’impresa non riesce. Finisce 63-56.

Il focus sul 4/18 dall’arco da tre basterebbe da solo a giustificare la debacle. Ma la sconfitta é anche figlia dell’incapacità di rimappare gli schemi di fronte all’evidenza di percentuali insufficienti. Per la verità fra le cause della sconfitta vi sono, e non sono pochi, i meriti del Sistema: un quintetto polarizzato sui fratelli Galli ma che ha in Fantin e Fantuz due validi incursori, con un un imprinting offensivo e una spiccata propensione alla difesa. Insomma, una squadra che merita i piani alti della classifica. In casa Humus nessun dramma, anzi quasi il sollievo di perdere l’attenzione di molti addetti e i favori del pronostico. Ora spazio al lavoro di messa a punto i meccanismi.

Annunci

Ci stiamo allargando

Il progetto di crescita societaria prende sempre più forma. Il settore Under di Humus Basket si arricchisce quest’anno di una nuova squadra.

Il buon lavoro tecnico e gestionale dello scorso anno ha permesso di consolidare un gruppo che sarà l’ossatura della formazione U18 nel 2017/2018. La novità del nuovo anno sportivo è la formazione U13 nata dalla collaborazione tra la nostra società e altre due importanti realtà del territorio: Liventeam e Pol. Dil. Fontanafredda.

La collaborazione posta in essere dal Consiglio Direttivo permetterà nei prossimi anni di aumentare ulteriormente il numero di squadre, fino a completare l’offerta di Basket a tutte le età del settore Under.

Buon Basket a tutti i nostri ragazzi e buon divertimento alle loro famiglie!

HB+LT+FF-01

Una nuova stagione

Tra qualche giorno parte un nuovo campionato per la nostra squadra maggiore.

In un anno siamo passati dal ruolo di matricola a quello di favorita. Non siamo molto d’accordo su quest’ultima definizione, anche già alla luce di quanto dimostrato nel torneo pre-campionato. Preferiremmo piuttosto essere definiti qualcosa tipo “ex-matricola terribile” ma alla fine questo è solo un dettaglio. Vedremo i risultati.

Intanto ecco il calendario. Speriamo di vedere ancora riempirsi il nostro palazzetto come lo scorso anno, magari anche di più.

Buon Basket a tutti!

Calendario 2017-18_SerieD

Futuro Insieme Pallacanestro Pordenone

Il torneo pre-campionato è andato. Bilancio? Così così, almeno rispetto alle precedenti uscite.

Venerdì sera al forum contro il Sistema di coach Spangaro la squadra ha prodotto qualche buona cosa, ma in mezzo a troppe disattenzioni in difesa il nostro atteggiamento ha posto le basi di una sconfitta meritata. Senza troppi giri di parole, abbiamo lasciato a casa la voglia di giocare e perso il treno dei primi quattro posti in classifica.

Nel pomeriggio di sabato la “rivincita” contro la neo-promossa San Vito. Il roster è parso molto più sciolto e unito, tenendo sempre sempre il pallino della partita e trovando in transizione parecchie soluzioni veloci. Alla fine gli 80 punti sullo score sono bastati a portare a casa la vittoria.

L’incontro di domenica valeva il quinto posto, conquistato con una partita uggiosa come il clima meterorologico. Ciononostante, note positive sono arrivate dalla cabina di regia del gioco grazie a migliori geometrie in campo rispetto alle due precedenti prestazioni.

In conclusione, il torneo F.I.P.P. ha confermato che c’è molto lavoro ancora da fare. Gli innesti di quest’anno, numerosi e di spessore, hanno spostato gli equilibri e occorre trovare il giusto assetto per esprimere tutto il potenziale. Intanto domenica prossima comincia una stagione lunga e difficile.

Cattura